Cibo e Bevande

La cucina maltese è il risultato di lunghe relazioni tra gli abitanti e i molti invasori che hanno occupato le isole maltesi nel corso dei secoli. Questo matrimonio di sapori ha dato oggi un eclettico mix di cucina mediterranea. Anche se la ristorazione è composta di un mix di ristoranti di specialità, ce ne sono numerosi che offrono o sono specializzati nella cucina locale, servendo le proprie versioni delle varie prelibatezze.

Il piatto tradizionale di Malta è rustico e varia in base alle stagioni. Provate "Lampuki Pie" (torta di pesce), stufato di coniglio, "Bragioli" (olive di manzo), "Kapunata" (versione maltese della ratatouille), e la zuppa di vedova, che comprende un piccolo sformato di "Gbejniet" (pecora o formaggio di capra). Sulla maggior parte dei banchi alimentari noterete "Bigilla", un denso paté di fave con l'aglio. Gli spuntini che devono essere provati sono gli "hobz biz-zej" (una fetta di pane intinto in olio di oliva, strofinato con pomodori maturi e riempito con un mix di tonno, cipolla, aglio, pomodori e capperi) e il "pastizzi" (pasta sfoglia riempita con ricotta o purè di piselli).

Bread and fresh produce on displayUn giro al mercato del pesce di "Marsaxlokk" la domenica mattina vi mostrerà quanto sia variegata la cattura di pesci in acque maltesi. Quando il pesce è in abbondanza, troverete Aljotta (zuppa di pesce). In funzione della stagione, vedrete "spnotta" (basso), dott (pesce pietra), "Ċerna" (cernia), dentici, sargu (saraghi) e trillo (triglie). Pesce spada e tonno nella stagione a seguire, in giro fino ad autunno inoltrato, seguiti dal famoso Lampuka, o pesce delfino. Polpi e calamari sono usati molto spesso per fare dei ricchi stufati e sughi per la pasta.

I dessert preferiti sono i "Kannoli" (tubo da croccanti, pasta fritta ripiena di ricotta) stile siciliano, dessert semi-freddo (mix di pan di spagna, gelato, frutta candita e panna) e "Ħelwa tat-Tork" (miscuglio dolce di zuccherino schiacciato e mandorle intere).

Malta non può essere famosa come i suoi grandi vicini del Mediterraneo per la produzione di vinicola, nonostante ciò annate di vino maltese hanno più che mantenuto la propria fama in concorsi internazionali, vincendo numerosi riconoscimenti in Francia, Italia e altri paesi.

Varietà internazionali di vitigni sono coltivati sulle isole compresi il Cabernet Sauvignon, Merlot, Syrah, Grenache, Sauvignon Blanc, Chardonnay, Carignan, Chenin Blanc e Moscato. Le varietà indigene sono Ġellewża e Ghirghentina, che stanno producendo degli ottimi vini di distinto corpo e sapore.

Le principali cantine organizzano visite guidate e degustazioni. A seconda della stagione, le visite coprono l'intera produzione, dalla fermentazione iniziale al processo d'invecchiamento. Esse comprendono anche musei di storia del vino e la possibilità di degustare e acquistare una serie di annate.